Orvieto : cosa vedere e visitare

Orvieto è un piccolo comune umbro, provincia di Terni, che sorge sopra una rupe di tufo, dalla quale si domina tutta la valle del fiume Paglia, affluente del Tevere. È sicuramente una delle città più antiche d’Italia poiché le sue origini risalgono senza dubbio al periodo italico della nostra penisola, ed era abitato dagli Etruschi già nel IX secolo a.C. Più tardi raggiunge i massimi livelli del suo splendore dopo la conquista romana avvenuta durante il III secolo a.C. Visitare Orvieto quindi vuol dire vedere con i propri occhi le antiche testimonianze che la storia ci ha lasciato e che vanno dal periodo etrusco, con la necropoli, fino al Rinascimento, con le chiese e i palazzi.

VISITARE ORVIETO: COSA VEDERE E COSA FARE

Senza dubbio molto interessante è la necropoli del Crocifisso del Tufo del periodo etrusco, situata sulla rupe bassa di Orvieto, subito sotto il centro storico medievale. È datata al VI secolo a.C. e il loro nome deriva dal fatto che sono delle vere e proprie “camere” ricavate dal tufo, materiale di cui la zona è particolarmente ricca. Nel Museo Archeologico “Claudio Faina” si potranno invece ammirare alcuni degli oggetti ritrovati all’interno della necropoli, come la Venere di Cannicella e il cippo a testa di guerriero, assieme a molti altri reperti di età greca ed età etrusca. Nello stesso museo è possibile vedere anche il frontone del Tempio del Belvedere, i cui resti sorgono ancora in città.
Non si può visitare Orvieto senza fare un giro tra le numerose e splendide chiese della città. La più grande è ovviamente il Duomo, realizzato in stile gotico e con la facciata decorata da bassorilievi e sculture realizzate dall’architetto senese Lorenzo Maitani. Intitolato alla Madonna Assunta, il Duomo venne costruito nel 1290 per volontà di papa Niccolò VI ma venne completato solo nella seconda metà del ‘500, dopo un susseguirsi di architetti e scultori che si interessarono alla sua costruzione. Di grande interesse anche la chiesta di Sant’Andrea, costruita sopra un tempio pagano e nella cui cripta si possono ancora osservare i resti delle precedenti fasi di utilizzo del complesso.
Anche il Medioevo fu un periodo di intensa attività edilizia per Orvieto: ancora oggi si possono ammirare lungo le vie della città i palazzi medievali, come il Palazzo Vescovile, il Palazzo Soliano o di Bonifacio VIII, il Palazzo Comunale e il Palazzo dei Sette con la Torre del Moro, che dal 1875 è diventata la Torre dell’Orologio della città.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *